La vendita di una birra in lattina da parte di un’azienda svedese, la Systembolaget, è stata bloccata ed è stato avviato il ritiro del prodotto in questione a causa rischio esplosione.

Nei nostri negozi sono esplose alcune lattine, così abbiamo preso questa decisione“, ha dichiarato un portavoce di Systembolaget al quotidiano svedese “Aftonbladet“; a chiunque fosse in possesso della birra “Omnipollo Tetragrammaton” viene chiesto di gettarla o restituirla alla filiale più vicina dell’azienda svedese. Questa birra è venduta anche on-line e quindi la sua reperibilità è pressoché internazionale, quindi è possibile che vi sia qualche lattina anche qui in Italia.

LEGGI ANCHE —> La casa dell’ex ministra Trenta da 141 euro al mese ma ne vale 2 mila- FOTO

LEGGI ANCHE —> Acqua Nestlé contaminata dai batteri LOTTO E SCADENZA

A lanciare l’allarme è stato il RASFF (Sistema rapido di allerta europeo alimenti) ma va precisato che il richiamo è avvenuto da parte della stessa azienda.

Riguardo i motivi per i quali le lattine scoppiano, è probabile che la birra venga travasata prima della sua completa fermentazione, il che porterebbe ad un eccessiva carbonazione con conseguente aumento di volume. Un’altra causa potrebbe essere un eccessivo quantitativo di zucchero che non è stato mescolato a dovere provocando così un eccessivo presenza di quest’ultimo sul fondo del contenitore.