La fine di giugno sarà adornata da una bella pioggia di stelle cadenti.

Arrivano le Bootidi di giugno, uno sciame che dopo decenni di inattività, nel 1998 ha dato grandi segni di ripresa regalando picchi di 100 meteore ogni ora.

Non sarà certo la classica notte di San Lorenzo ma queste Bootidi promettono di regalare spettacolo.

Ecco come osservarle:

La notte migliore per ammirarle è quella tra il 27 e il 28 giugno. Esse devono il loro nome alla costellazione in cui si trova il radiante, il punto da cui sembrano avere origine. In questo caso è la costellazione del Boote che già dalle 21 del 27 giugno sarà ben alta nel cielo, dove rimarrà per tutta la notte, tramontando a NordOvest poco dopo le 4 del 28.

La mappa che segue mostra il cielo del 27 giugno alle ore 22 circa, quando la costellazione del Boote e le meteore si troveranno al di sopra dell’orizzonte sud. Per individuarle a farci da guida sarà anche la stella Arturo, la più luminosa della costellazione del Boote ma anche la quarta stella più brillante del cielo notturno dopo Sirio, Canopo e α Centauri.