Il seno è una parte del corpo della donna molto sensibile e delicata e bisogna prendersene cura con attenzione durante tutto l’arco della vita.

Un buon modo per conoscere il proprio seno è l’autopalpazione ed è utile per scoprire la presenza di noduli o cisti all’interno del tessuto ghiandolare. Se si avverte uno strano gonfiore al seno o si avverte dolore è bene saper riconoscere se questi sintomi sono nella norma oppure se è il caso di preoccuparsi.

Durante l’età fertile si possono avvertire dolori e gonfiore al seno ma questi sintomi sono del tutto nella norma e normalmente scompaiono con l’arrivo della menopausa. Anche durante la gravidanza possono insorgere questi sintomi ma in questo caso è a causa della secrezione di un ormone chiamato prolattina, che prepara il seno all’allattamento.

Quando però il seno gonfio e doloroso è una costanza anche fuori dal ciclo mestruale o lontano dalla gravidanza i problemi potrebbero essere diversi. Se si avvertono i sintomi tipici della sindrome premestruale quando le mestruazioni non sono in arrivo, è sempre bene fare l’autopalpazione e chiedere il consiglio del medico o della ginecologa di fiducia.

In linea di massima il seno gonfio e dolente non è una condizione che debba destare preoccupazione ed è comune a tutte le donne, sia quelle con il seno prosperoso che chi invece ha un seno più ridotto.

Nel caso che l’autopalpazione riveli noduli o altri segni “strani” è bene rivolgersi al proprio medico o ad un medico specializzato.