acidi urici
Cosa fare quando i valori di acidi urici sono alti

Se gli acidi urici registrati nel sangue superano i valori di norma bisogna subito intervenire, e per farlo agite in questo modo.

Una eccessiva quantità di acidi urici nel sangue può avere conseguenze non piacevoli. Se questo avviene, serve subito porre rimedio a tale situazione. E la prima cosa da mettere in atto è attuare un cambio importante nell’alimentazione.

Gli acidi urici sono delle sostanze prodotte non dall’organismo in maniera diretta quanto piuttosto dalla ‘lavorazione’ della purina, una sostanza organica che muta grazie all’operato del metabolismo. La purina è importante affinché sorgano gli acidi nucleici.

Si trova all’interno di diversi alimenti e ne assumiamo più o meno in quantità a seconda della nostra dieta e delle nostre abitudini. Gli enzimi lavorano diverse sostanze tra le quali questa purina, che come risultati di scarto produce per l’appunto l’acido urico, il quale viene espulso nell’urina.

Acidi urici, se sono elevati nel sangue evitate questi alimenti

Ma a volte tale acido può rimanere in circolo all’interno del nostro organismo e confluire nel sangue. Questo perché i reni non riescono ad espellerlo. Allora tale acido tende a cristallizzarsi ed a depositarsi nelle articolazioni, dando adito alla patologia nota come gotta

I valori ritenuti consueti ed entro i quali si dovrebbe restare sono compresi tra i 4 e gli 8 mg/dl. Se si riscontrano dei valori alterati bisogna diminuire subito il consumo di certi cibi. Tra questi figurano carne di agnello e maiale, sardine, acciughe, scombro, interiora di carne, poi cibi grassi ed in quanto a bevande il caffè, gli alcolici, le bibite zuccherate e quelle gassate.

Occorre al contrario assumere molta acqua, infusi e succhi naturali. Per quanto riguarda il latte, quello intero va sostituito con quello scremato. E vanno consumate molte frutta e verdure.