La Legge 104/1992 permette alle persone che soffrono di diabete di poter usufruire di alcuni benefici come l’assegno mensile di invalidità.

Tutti coloro che hanno uno stato di invalidità superiore al 41% ha il diritto alla legge 104/1992. La procedura della richiesta richiede un accertamento dell’effettiva invalidità da parte della Commissione Medica. Ecco la tabella di invalidità per i richiedenti:

Diabete mellito di tipo 1 o 2 con complicanze micro-macroangiopatiche e manifestazioni cliniche di medio grado: invalidità dal 41% al 50%.

Diabete mellito insulino-dipendente con mediocre controllo metabolico e iperlipidemia o con crisi ipoglicemiche frequenti nonostante la terapia: invalidità dal 51% al 60%.

Diabete mellito complicato da grave nefropatia e/o retinopatia proliferante, maculopatia, emorragie vitreali e/o arteriopatia ostruttiva: invalidità dal 91% al 100%.

Dopo essere stata riconosciuta la malattia e il suo grado di invalidità la persona affetta da diabete può richiedere un assegno mensile in percentuale variabile in base alla tabella di cui sopra.

Prima di fare la richiesta di invalidità bisogna stabilire la diagnosi di diabete rivolgendosi al proprio medico curante che rilascerà un certificato che evidenzia il diabete. Bisogna, poi, inviare il certificato per via telematica all’INPS che procederà con l’invio della domanda.