Uno studio eseguito dai ricercatori dell’Università del Cairo hanno pubblicato i risultati della loro ricerca relativa alla connessione tra i capelli bianchi di una persona ed il progressivo rischio di contrarre dei problemi al cuore. Il tutto a prescindere dall’età. Più si tende verso il ‘candor’ di chioma e maggiori sarebbero le possibilità di poter fare i conti con qualcosa di indesiderato per la nostra salute.

La professoressa Irini Samuel, che ha cordinato questo studio, parla di “incanutimento dei capelli  che potrebbe essere utilizzato in qualità di un fattore predittivo per quanto riguarda il manifestarsi della malattia coronarica”.

Capelli bianchi e malattie cardiovascolari, trovato un nesso

Il tutto è stato reso noto in un congresso del settore, l’EuroPrevent 2017. Si tratta del meeting annuale dell’European Association of Preventive Cardiology (EAPC) svoltosi a Malaga. Nulla di definitivo per ora, ci sarà bisogno di ulteriori approfondimenti. Ma la professoressa Samuel ha potuto osservare 545 individui, tutti maschi adulti, suddivisi in vari gruppi basati proprio sulla conformazione cromatica dei capelli.

A loro volta poi tutti i componenti dei vari raggruppamenti sono stati suddivisi in quelli senza problemi cardiaci ed in quelli che ne hanno avuto esperienza. Quest’ultimi avevano una maggioranza di capelli bianchi rispetti agli altri ed anche un livello di calcificazione delle arterie.