Ronald Butcher era un uomo che è balzato recentemente agli onori della cronaca per quanto è accaduto dopo la sua morte. A due mesi dal decesso infatti, il 73enne ha deciso di cambiare il proprio testamento e di non lasciare nulla della sua cospicua eredità (oltre 500.000 euro) ai suoi parenti. Il motivo? A nessuno è mai importato nulla di lui, tanto è vero che per trovare il suo corpo senza vita, in casa sua, sono dovuti passare oltre due mesi. A sorpresa Ronald ha deciso di lasciare tutto ad un uomo apparentemente sconosciuto di nome Daniel Sharp, operaio edile che lavorava non distante dalla sua abitazione. La famiglia di Ronald ha inizialmente pensato ad una truffa o ad un raggiro da parte di Daniel, che invece in seguito alle indagini della polizia si è rivelato l’unico amico del 73enne negli ultimi anni della sua vita. Anni prima infatti Daniel aiutò Ronald a pulire le grondaie di casa sua senza chiedere nulla in cambio, un gesto che unì molto i due uomini e che sancì la nascita di una bella amicizia. Per anni Daniel è stato l’unico a visitare con una certa costanza Ronald, il quale ha pensato bene di ricompensarlo a dovere. Nonostante le rimostranze della famiglia, le autorità hanno dimostrato che Ronald non ha mai perso lucidità e che ha consenzientemente cambiato il proprio testamento, confermando dunque che l’intera somma spettasse a Daniel. Una lezione straordinaria, data da un uomo rimasto solo e da un amico vero.