C’è chi con la terra ci ha a che fare per lavoro e chi per passione, resta il fatto che il giardinaggio e, più in generale, l’agrigoltura sono attività che impegnano tantissime persone in tutto il mondo. Che si tratti di creare un giardino coloratissimo o di avere un orto da cui attingere frutta e verdura fresche, ci sono delle regole dettate da madre natura che vanno assolutamente rispettate per avere buoni risultati. Non tutti i terreni sono ugualmente fertili infatti, per questo in commercio esistono una moltitudine di prodotti atti ad “arricchire” qualsivoglia terreno per renderlo coltivabile. Ma esistono anche dei metodi naturali e decisamente meno costosi per fertilizzare e rendere più produttiva la terra. Eccono qualcuno.

  1. Spargere della cenere: è un trucco vecchio come il mondo che permette di diminuire il livello di acidità del terreno e di renderlo più produttivo. La controindicazione è che a lungo andare lo renderà sterile.
  2. Spruzzare una soluzione di solfato di magnesio: come per la cenere, questa sostanza composta da magnesio, zolfo e ossigeno abbassa i livelli di acidità del suolo.
  3. Piantare…un uovo: se il vostro intento è piantare una pianta, magari in un vaso, insieme al terreno mettete anche un uovo crudo. Piano piano, con l’avanzare della decomposizione, fungerà da fertilizzante naturale.
  4. Sotterrare una buccia di banana: vale lo steso discorso fatto per l’uovo, decomponendosi la buccia della banana rilascerà nel terreno tantissime sostanze che accelereranno la crescita della vostra pianta.
  5. . Lasciare marcire le foglie: è bene lasciare a terra le foglie che cadono durante l’inverno, poichè marcendo prepareranno naturalmente il terreno per la successiva stagione di semina.