La notizia non farà piacere ai telespettatori italiani, che da pochi hanno completato il famoso “switch” dalla tv analogica al digitale terrestre. Pare infatti che nel giro di poco tempo si dovrà tornare nei negozi per comprare dei nuovi apparecchi, in virtù di un nuovo cambio di tecnica di trasmissione del segnale tv. Stando a quanto riporta Repubblica infatti, Rai, Mediaset e La7 passeranno al digitale terrestre di seconda generazione (DVB-T2) e forse ad un nuovo software in gradi di comprimere il segnale HEVC. Tutto questo per via di una proposta di Decisione della Commissione Europea che il Parlamento Italiano (il Senato ha già approvato, mercoledì il voto della Camera): si vuole liberare la “banda 700” dai segnali tv occupati da 6 emittenti italiane per riservarla ai collegamenti internet ultraveloci (4G e 5G) per smartphone e tablet. Ma quanto costerà ai telespettatori un ulteriore cambio di apparecchio e di decoder? Stando a quanto riportato sempre da Repubblica, un televisore da 22 pollici compatibile con il nuovo digitale costa in media tra i 140 e 165 euro, mentre per un nuovo decoder il prezzo varia dai 30 ai 446 euro.