Molte persone ignorano solitamente i sintomi di un ictus. Sebbene duri 5-10 minuti, può verificarsi a distanza di giorni o perfino settimane. È utile quindi conoscere bene di cosa si tratta e capire come comportarsi nel caso in cui si notano determinati sintomi. Esistono due tipi di ictus, quello ischemico causato dalla chiusura di un’arteria o di una vena e quello emorragico provocato da emorragia estesa. I principali sintomi per capire se si è in presenza dell’attacco ischemico transitorio che è l’evento che precede l’ictus ischemico sono noti con l’acronimo di FAST:

FACE (volto) – paresi facciale

ARMS (braccia) – incapacità di sollevare gli arti

SPEECH (parola) – difficoltà nel parlare

TIME (tempo) – chiamare immediatamente i soccorsi

Altri sintomi possono essere la difficoltà di comprensione, mal di testa improvvisi, cecità, vertigini, perdita d’equilibrio e coordinazione o l’emiparesi. È bene conoscere ogni singolo segnale per non essere presi alla sprovvista e salvare una vita umana.